Nei giorni scorsi abbiamo parlato di Steve Chilcott e Brien Taylor, le uniche prime scelte assolute del passato che non siano riuscite ad arrivare in MLB. Ieri vi ho linkato la notizia del DFA di Matt Bush, che dunque potrebbe unirsi a loro.

Chi è Bush? La prima scelta assoluta del 2004, un interbase liceale di San Diego, scelto dai Padres.

Prima del draft sembrava che i Padres avessero ridotto la loro scelta ai collegiali Jeff Niemann, Stephen Drew e Jered Weaver. Kevin Towers esplicitamente disse di preferire Drew fra tutti, in quanto miglior position player del draft. C’era anche una piccola possibilità che venisse scelto Justin Verlander.

Weaver e Drew erano però rappresentati da Scott Boras ed anche Niemann voleva tantissimo, così Towers scelse a sorpresa il ragazzo locale, un interbase/lanciatore con buona difesa, con l’intento di farlo maturare da hitter. Oggi la scelta potrebbe essere vagamente paragonata a quella di Casey Kelly dei Red Sox, ossia un grande atleta non dotato però di una buona mazza. Matt Bush finì col firmare per un bonus da $3.15 milioni di dollari. Niemann venne scelto come quarto assoluto da Tampa Bay, ricevendo più di 5 milioni, mentre Weaver finì agli Angels come dodicesimo, e Drew finì ai Diamondbacks come quindicesimo. Entrambi i clienti di Boras presero 4 milioni, non troppo più di Bush dunque, alla fine. Tutti e 3 sono già arrivati in MLB (tutti e 4, includendo l’outsider Verlander) e se Niemann è stato frenato da ripetui infortuni, gli altri due hanno dimostrato di poter avere una discreta importanza per le rispettive squadre.

Matt Bush è riuscito anche nell’impresa di farsi sospendere dalla squadra prima ancora di debuttare da professionista, per una rissa fra ubriachi all’esterno di un night club di Phoenix (dove stava per partecipare all’Extended Spring Training). Da allora la sua carriera è stata a dir poco un disastro. Ha battuto .192/.286/.253 fra Rookie League ed A- nel 2004, poi .221/.279/.276 in una stagione completa in A nel 2005. Nel 2006 ha battuto .268/.333/.310 di nuovo in A, ampiamente la sua stagione migliore ma comunque un disastro, in sole 21 partite a causa della sua fragilità fisica.

Nel 2007, ancora prestazioni negative, questa volta in A+ dove ha battuto .204/.310/.276. A questo punto i Padres, esasperati, hanno provato a convertirlo in lanciatore (ruolo che aveva ricoperto al liceo). Da rilievo 21enne in Rookie League, Matt Bush è stato in realtà più che promettente, ottenendo 16 K a fronte di 2 sole BB in 7.1 IP (1 solo punto concesso), mostrando una fastball a 95 mph ed una discreta curva. Dopo però la promozione in A, e solo 0.1 IP lanciati, la terribile notizia: gomito distrutto e Tommy John Surgery necessaria, con perdita dell’intera stagione 2008.

La settimana scorsa è saltata fuori la notizia di una rissa su un campus liceale, a carico di Bush (ancora una volta ubriaco). I Padres a questo punto hanno perso del tutto la pazienza e l’hanno DFA. Senza dubbio la peggiore prima scelta assoluta di ogni epoca, Bush è stato acquisito dai Blue Jays e difficilmente avrà altre occasioni per mostrare il proprio valore.